Google ha lanciato un programma che permette agli autori di inserire i propri libri protetti da licenze CC e renderli disponibili al pubblico per il download, la condivisione, la copia e il remix. Già disponibili una serie di titoli di altissimo livello, con autori del calibro di Lessig, Doctorow, Aoki, Boyle, Jenkins, Zittrain e molti altri. Il successo delle licenze Creative Commons si consolida e mostra una delle strade per uscire dalle pastoie di un copyright che soffoca la creatività ed ostacola la diffusione della cultura.

Una nuova iniziativa di Google consente agli autori di inserire in Google Books i libri sotto una qualsiasi delle 6 licenze Creative Commons o alla licenza di rinuncia ai diritti CC0 per l’inserimento nel pubblico dominio. I lettori e i frequentatori di Google Books potranno facilmente distinguere le opere protette da una delle licenze CC grazie all’apposizione dell’inequivocabile marchio, ricevendo pertanto una chiara indicazione delle opere che possono essere scaricate, copiate, condivise, eventualmente remixate e sfruttate, commercialmente o meno, per lavori derivati.

Un passo in avanti importante che entra in sinergia con la massiccia diffusione della musica rilasciata sotto le stesse licenze, come riportato qui.

Ora ci auspichiamo che Google, come ha già annunciato, implementi presto la funzione che permetterà di restringere la ricerca ai libri rilasciati con licenze CC o CC0. Per avere una lista dei titoli di punta presenti in licenza CC già da ora in Google Books, si può fare riferimento all’annuncio pubblicato da Creative Commons. Noi italiani, fra le altre cose, abbiamo a disposizione numerosi libri del favoloso collettivo Wu Ming. Buona lettura!

Bound by law?Il libro a fumetti “Bound by law?” è uno di quelli disponibili in Google Books rilasciato sotto licenza CC Share-Alike. Si tratta di una lucida ed approfondita opera che illustra con leggerezza il fair use e gli enormi problemi derivati da una cattiva applicazione del copyright e dal tentativo di interpretazione eccessivamente restrittivo voluto dalle major

Share