Integralisti del copyright sconfitti ancora

TNT blogL’Ufficio del Procuratore della Corona archivia il caso contro TheGeeker, amministratore del sito FileSoup. TheGeeker era stato ingiustamente accusato, circa 18 mesi orsono, di reati penali connessi alla violazione di copyright senza scopo di lucro. Un caso esemplare che mostra la delinquenziale connivenza della polizia con FACT e la loro volontà di perseguitare cittadini innocenti. Nello stesso giorno, in Australia, il provider iiNet vince sia in primo grado sia in appello la causa contro la delirante AFACT sulla responsabilità dei provider nelle violazioni di copyright.

+ READ MORE

Share

TNT blogVi proponiamo la traduzione dell’editoriale di Joe McNamee comparso sull’ultimo bollettino di EDRi (EDRigram). Le preoccupazioni di EDRi sono condivisibili e basate su elementi chiari ed incontrovertibili, nonché su alcuni casi storici particolarmente significativi. Secondo EDRi evitare la distruzione di Internet come la conosciamo nell’Unione Europea appare un’impresa disperata, forse impossibile se non ci saranno azioni concrete nell’immediato futuro.

+ READ MORE

Share

TNT blogScadono oggi i termini per rispondere al questionario sulla Direttiva 2000/31/CE avviato dalla Commissione Europea, DG MARKT, nel quadro della consultazione pubblica che ne apre ufficialmente il processo di revisione. Inviati il nostro contributo e quello de La Quadrature du Net. Il processo di revisione della Direttiva riguarda non solo le imprese ma anche i privati cittadini: in gioco, fra l’altro, la responsabilità degli intermediari, le pressioni per rendere gli ISP sceriffi della Rete, il libero accesso alla conoscenza e la libertà di espressione tramite Internet.

Share

TNT blogIl processo di appello a The Pirate Bay ha visto oggi l’ultimo giorno di dibattimento. Tutti gli avvocati hanno richiesto l’assoluzione sulla base della Direttiva sul commercio elettronico e citando recenti verdetti in Spagna e Regno Unito. La traduzione integrale dell’articolo di TorrentFreak a firma di Ernesto.

+ READ MORE

Share

ACTA, versione (quasi) finale

Si è chiuso a Tokyo l’ultimo e definitivo round di negoziati su ACTA. Ne è emerso un testo che mostra che l’accordo ha perso molti pezzi per strada. Tuttavia il cambiamento radicale di molti articoli con l’inserimento di vaghezza e incertezza legale e l’inedita opzione di emendamenti da apportare dopo la ratifica rendono l’accordo estremamente pericoloso. Ancora piccoli contrasti fra le parti da risolvere. Entro 90 giorni l’approvazione e poi 2 anni di tempo per entrare a farne parte: diventerà operativo al raggiungimento della sesta adesione. Il Parlamento Europeo deve rigettare questa mostruosità antidemocratica.

+ READ MORE

Share

TNT blogLa Commissione Europea ha aperto le consultazioni per la revisione della Direttiva sul commercio elettronico (2000/31/CE), la chiave dello straordinario sviluppo commerciale e non commerciale di Internet. In gioco l’attribuzione di responsabilità ai fornitori di servizi come ISP, host e motori di ricerca per i contenuti immessi dagli utenti e per i link pubblicati. Una revisione della direttiva in questo senso sarebbe indispensabile per iniziare ad adattare il quadro legale dell’Unione ad ACTA e per preparare la fine dell’essenza di Internet e del suo carattere aperto nell’Unione Europea.


+ READ MORE

Share

TNT blogSi fa sempre più pesante la pressione della lobby delle major, sia per far approvare il trattato ACTA nella forma più restrittiva possibile sia per inserire in documenti ufficiali il riferimento a tale trattato. Il rapporto Gallo è un ulteriore tassello inserito nello squallido disegno.

Noi Cittadini abbiamo ora la grande opportunità di segnare un punto di vantaggio in questa difficile e logorante partita: sta anche a te dare un contributo importante per mettere un serio paletto alle nefaste prospettive di ACTA. Diventa protagonista della tua GenerAzione. Attivati a tutela della privacy, in difesa della libertà della Rete e della Net Neutrality.

+ READ MORE

Share

Le pressioni delle major, come  successe l’anno scorso, convincono un giudice a inviare un’ingiunzione al provider di servizi di banda di The Pirate Bay per staccare la Baia dalla Rete. Come conseguenza, lunedì 17 maggio The Pirate Bay è down. The Pirate Bay, ancora una volta, torna online dopo poche ore. Con una novità di grande peso politico. La libertà di espressione conosce un giorno di trionfo.

+ READ MORE

Share

TNT blogLe richieste della FAPAV (Federazione Antipirateria Audiovisiva) sono state rigettate dal tribunale di Roma. Telecom Italia non può e non deve denunciare i clienti né deve procedere alla censura dei siti voluta da FAPAV. Una riaffermazione importante delle Direttive sulla protezione dei dati, sulla privacy nelle comunicazioni elettroniche e sul commercio elettronico.


+ READ MORE

Share

TNT blogL’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha prodotto un’indagine conoscitiva dalla quale emerge chiaramente come politiche repressive e di sorveglianza nei confronti di un fenomeno che non produce i danni economici che le major sono solite sbandierare siano anti-costituzionali, inutili e dannose, Finalmente anche un organismo istituzionale vede nel sistema delle licenze collettive estese l’equo compromesso tra la remunerazione degli autori ed il diritto alla cultura e alla conoscenza delle persone.

+ READ MORE

Share

TNT blogL’Italia si conferma campionessa della censura in Europa. La sentenza del Tribunale di Bergamo, che segue la decisione della Corte di Cassazione, permetterà di imporre nuovamente agli ISP italiani di censurare The Pirate Bay, il sito che conta 27 milioni di utenti nel mondo. Grazie alle risorse tecniche contro la censura utilizzate con successo in regimi oppressivi come Cina e Iran, sarà comunque uno scherzo aggirare qualsiasi oscuramento. Vi proponiamo inoltre l’intervista che abbiamo realizzato con Giovanni Battista Gallus e Francesco Paolo Micozzi, avvocati difensori di The Pirate Bay.

+ READ MORE

Share

TNT blogDopo l’interrogazione dell’8 dicembre 2009 presentata da Christian Engström, rappresentante del Pirate Party al Parlamento Europeo, la preoccupazione sugli effetti che il trattato ACTA produrrebbe sul quadro legale comunitario diventa sempre maggiore, tanto da indurre altri parlamentari a fare altrettanto, Axel Voss e Ivo Belet (PPE), Alexander Alvaro (ALDE) e Britta Thomsen (S&D). Invece in Italia…

+ READ MORE

Share

Aggirare i parlamenti: prove tecniche

TNT blogFFII ed altre organizzazioni denunciano una manovra finalizzata a gettare le basi per minimizzare il ruolo del Parlamento Europeo e di quelli dei Paesi Membri nelle procedure di approvazione degli accordi commerciali internazionali.

+ READ MORE

Share

TNT blogIl decreto Romani, definito anche “censura-Internet”, viola esplicitamente due Direttive e rappresenta un pericoloso precedente, all’interno dell’Unione Europa, che mira a bloccare lo sviluppo della società dell’informazione nonché a gettare sulle spalle degli intermediari un obbligo generale di controllo e l’onere della censura preventiva sui contenuti generati dagli utenti.


+ READ MORE

Share

Sospendere i negoziati ACTA

TNT blog

Il 26 gennaio, in Messico, riprendono i negoziati ACTA. Si tratta, nelle intenzioni, della penultima riunione prima della sottoscrizione dell’accordo. Uno degli scopi principali è introdurre una censura a livello globale su Internet costringendo i provider a sottoscrivere accordi “volontari” per il filtraggio di siti e contenuti. I governi nazionali? Scavalcati.

+ READ MORE

Share

TNT blogIn Internet, i tentativi da parte dell’industria del monopolio intellettuale di caricare gli intermediari quali ISP e host di responsabilità, a dispetto del principio di mere conduit sancito per legge nell’Unione Europea, presentano notevoli somiglianze con la strategia di censura del governo cinese. Vi proponiamo la traduzione di un articolo di Mike Masnick, comparso su TechDirt.


+ READ MORE

Share

Seguici su Twitter!

WikiLeaks

Tag cloud

Save the Internet

I piani per la chiusura di Internet. Partecipate alla campagna di ScambioEtico contro la chiusura della Rete.


Le irresistibili dichiarazioni dell'incompetente senatore Ted Stevens, nemico della Net Neutrality: "Internet è una serie di tubi". La nascita di un fenomeno: remix del discorso, magliette, articoli, siti, video, programmi comici, nonché un easter egg in Google Chrome.

ASCOLTI

  
  
  
  

CATEGORIE

Tweet Blender

VISIONI

Lasse, un poeta svedese, ha viaggiato per il mondo per anni, solo, indipendente, senza sosta. Il suo cuore non conosce casa eccetto una che gli è stata rivelata in una profezia nella sua infanzia: Valkaama, un misterioso luogo nel nord della Finlandia. Sottotitoli in italiano realizzati da TNT Village. Torrent disponibile, visione e condivisione libera e gratuita. Licenza Creative Commons.

La storia di Mette, una ragazza nazista che si prende cura di quattro persone anziane piuttosto burbere durante il suo lavoro quotidiano. Licenza Creative Commons. Sottotitoli in italiano a cura di TNT Village e ScambioEtico.

Il potere e i danni delle grandi società. 26 premi internazionali. Visione e condivisione libere, informazioni per eventuali donazioni presso il sito dei produttori.



Sita Sings the Blues, by Nina Paley. Un meraviglioso lungometraggio d'animazione ispirato al Ramayana. Licenza Creative Commons. Disponibile in decine di formati diversi, compreso H.264 1080p.

FESTA DEI PIRATI

Feed RSS services

The Disney Trap

Come il copyright ruba le nostre storie by Monica Mazzitelli (sottotitoli in italiano).

Altroconsumo & Elio

Intervista realizzata nel 2005 da Altroconsumo a Elio & Le Storie Tese: diritti d'autore, prezzi dei CD musicali, major.

CREDITS